fbpx
Pavimentazioni stradali: strato di base con emulsione bituminosa
BLOG - Pavimentazioni stradali

La Pavimentazione stradale deve garantire la transabilità del traffico veicolare in totale sicurezza, per questo dovrà essere progettata per distribuire in maniera adeguata agli strati inferiori le azioni statiche e dinamiche dei mezzi di trasporto, oltre che permettere agli pneumatici un rotolamento regolare grazie a una superficie priva di deformazioni.

Le caratteristiche che ci interessano per valutare la qualità della pavimentazione sono la Portanza, la Durabilità, la Regolarità del manto stradale che influenza anche l’aderenza dello pneumatico sul piano stradale.

La Pavimentazione stradale è composta da diversi strati, che si distinguono tra loro per spessore e materiali utilizzati. Ogni strato assolve a delle specifiche esigenze e viene progettata in funzione delle sollecitazioni cui sarà soggetto nel tempo, inoltre differenti mix di materiali comporta una diversa distribuzione dei carichi allo strato di sottofondo.

In sintesi i diversi strati partendo dalla superficie sono:

  • sottofondo
  • fondazione
  • strato di base
  • binder o usura

Per le aziende che lavorano nel campo delle pavimentazioni stradali oltre al tema della sicurezza è diventato negli anni sempre più importante la sostenibilità ambientale, questo ha spinto l’innovazione tecnologica a evolversi e a trovare soluzioni alternative alla tecnica tradizionale che prevede il riscaldamento del bitume.
Per abbattere la viscosità del bitume e ottenere una compattazione in sito ottimale nella tecnica del riciclaggio a freddo vengono utilizzati due diversi metodi: miscelando il bitume nell’impasto con acqua, questo è il caso delle emulsioni bituminose, oppure sotto forma di schiuma (bitume schiumato).

Quali sono i benefici di uno strato di base con emulsione bituminosa?

Premettendo che entrambe le tecniche sono valide per la costituzione dello strato di base andremo ora a esaminare alcuni vantaggi tecnici nella creazione dello strato di base.

  • L’emulsione riveste in maniera continua i granuli dell’aggregato.
  • L’emulsione può essere integrata con additivi quali ad esempio il lattice di gomma o o può essere prodotta con bitumi modificati, di modo da ottenere una pavimentazione con prestazioni superiori.
  • Le emulsioni che costruiscono strato di base possono essere realizzate a temperatura ambiente, evitando rischi per gli addetti e consentendo una maggiore flessibilità nella gestione dei tempi di attesa prima della miscelazione.

Torna alla sezione blog per leggere altri articoli e news di settore.

Ultimi articoli